L’evidenza

Devo arrendermi all’evidenza, il mio sogno di parlare con tutti, di comunicare con tutti, di interagire con quello che era lontano mille miglia dal mio mondo senza subirne colpi pesanti, quel sogno si è ridimensionato qui in rete, nel luogo che concettualmente sembra il più adatto invece a nutrirlo. Se mi perdo, se muto la mia identità, se mi svendo per qualsiasi motivo lo faccia, a qualsiasi obiettivo io possa tendere, sono certo che non produrrò niente di buono, niente di MIO, niente che abbia senso per me. L’elitarismo nei blog più che un rischio è una certezza! Penso che sia purtroppo inevitabile, non esistono parole per tutti ( tranne forse che negli Evangeli) e non esistono blogger per tutte le stagioni. Forzare questo dato di fatto produce solo danni.
Inevitabilmente parliamo e speriamo nella condivisione del mondo intero e altrettanto inevitabilmente dobbiamo poi accorgerci di quante siano in realtà le mani tese. In questi anni ho incontrato poche stanze veramente esclusive per qualità e profondità di scrittura, io ne sono lontano, la mia esclusività deve essere legata a qualcos’altro.

Annunci

3 pensieri su “L’evidenza

  1. Silvia

    Caro Enzo, come vedi io ti leggo sempre, ma i tuoi post sono sempre così personali, o così precisi quando parli di momenti storici o della Sicilia che evito di commentare, che potrei dire? Che hai ragione? C’è un detto che dice che la ragione si da ai matti, e tu non lo sei affatto, negli altri post cosa si può commentare sulle emozioni, solo chi le ha vissute le conosce in pieno quindi ogni commento diventa solo illazione…..così non ti commento, ma mi fa molto piacere leggerti:)

    Rispondi
  2. MIRIAM

    Tu non ti rendi conto di come parli con tutti, comunichi molto più di quanto tu stesso possa credere ed elargisci emozioni a piene mani, a volte anche solo in due parole di un commento
    Sto girando da più parti, anche in quello ad inviti,, e ovunque è una goduria ed una strana novità-

    Rispondi
  3. EnzoRasi Autore articolo

    Miriam, Silvia, Io sono così malinconico da non ricordare più come si sorride. Mi gratificate ma le cose non stanno esattamente così: appena esco dal mio guscio succede sempre un finimondo. Devo convincermi che il silenzio per me è l’unico modo di interagire in rete? Grazie.

    Rispondi

TUTTI I COMMENTI VENGONO LETTI

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...